ACQUE E SCARICHI

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

ACQUE e SCARICHI

Ultima modifica: 29/08/2019

Referenti per materia:

- Stefano Chelucci- 0573 371535 - s.chelucci@comune.pistoia.it

- Ilaria Baldi - 0573 371801 - i.baldi@comune.pistoia.it


non sprecare l'acqua

 


ACQUE DI BALNEAZIONE

Importante: Le acque interne di balneazione sono individuate mediante apposito atto regionale, ai sensi del D. Lgs. 116/2008. Attualmente non risultano in Toscana corsi d’acqua identificati come adibiti alla balneazione e, conseguentemente, non vengono effettuati da parte di ARPAT controlli analitici periodici per verificarne l’idoneità.

Si fa presente pertanto che in nessun corso d’acqua del territorio comunale, compreso il torrente Ombrone, è consentita la balneazione.

Riferimenti normativi: D. Lgs. 30 maggio 2008 n. 116

AVVISI IN CORSO DI VALIDITA'

- EMESSA ORDINANZA SINDACALE n.  697 del 29/07/2019 "RAZIONALIZZAZIONE DEL CONSUMO DI ACQUA POTABILE E DIVIETO DI USO IMPROPRIO" - vedi l'ordinanza

- EMESSA ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE N° 145 del 27/02/2019: Misure contingibili e urgenti a seguito di riscontro superamento limiti di legge per la qualità delle acque di falda, divieto di utililzzo acqua di pozzo per uso umano nell'area del Comune di Pistoia compresa tra il torrente Stella e le vie del Frascone, Pontacci, di Loreto, del Pancone - vedi l'ordinanza

Mappa allegata all'Ordinanza n. 145/2019:

 

Ulteriori raccomandazioni della ASL sull'acqua dei pozzi dell'area presso il torrente Stella - clicca per leggere le raccomandazioni

 

- Ordinanza sindacale n. 643/2017- misure contingili e urgenti a seguito di sversamento accidentale di miscela per trattamento diserbanti in via del

 Bollacchione. Modifica Ordinanza Sindacale n. 302/2017. Riduzione area interdizione uso acque di pozzo per consumo umano

Mappa allegata ad Ordinanza n. 643/2017:

mappa limitazione acqua pozzo

 

AVVISI SCADUTI

Ordinanza sindacale n. 831 del 20/07/2018 - Ordinanza su limitazione dei consumi di acqua potabile nel Comune di Pistoia ai sensi del Decreto Presidente

giunta regionale toscana N. 29/R del26 maggio 2008 in materia di risparmio idrico

- Ordinanza sindacale n. 302/2017 - misure contingili e urgenti a seguito di sversamento accidentale di miscela per trattamento diserbanti in via del bollacchione
- Ordinanza sindacale n. 320/2017 - misure contingili e urgenti per contaminazione acquedotto pubblico in loc. Baggio

- Ordinanza sindacale n. 574 del 14/06/2017 - Limitazione uso acque potabili

- EMESSA ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE N° 482 del 07/06/2019: Lavori di adeguamento depuratore centrale di Pistoia ad opera di Publiacqua SPA - Provvedimenti urgenti per la tutela dell'igiene pubblica - vedi l'ordinanza

 


SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

Publiacqua S.p.A. è la società affidataria, dal 1° gennaio 2002, della gestione del Servizio Idrico Integrato (S.I.I.) dell'Ambito Territoriale Ottimale n. 3 Medio Valdarno,  un territorio, asse portante della Toscana, che interessa 4 Province, Firenze, Prato, Pistoia e Arezzo. Nei 46 Comuni serviti abita un terzo della popolazione regionale (circa 1.300.000 abitanti) e sono localizzate le principali attività economiche della Toscana.

Publiacqua S.p.A. è stata costituita nel 2000 per iniziativa dei Comuni in cui la società esercita la propria attività. Nel 2006, a conclusione di una gara ad evidenza pubblica, è stato individuato un partner  privato,  Acque Blu Fiorentine S.p.A.  composto da una serie di aziende pubbliche e private fra le quali Acea S.p.A., Suez Environnement S.A., MPS S.p.A. che si è aggiudicato il  40% del capitale sociale.

Il Gestore può essere contattato ai seguenti numeri verdi:

800 238 238 _ INFORMAZIONI E PRATICHE (da lunedì al venerdì con orario 09:00 - 18:00, ed il sabato con orario 09:00-13:00)

800 314 314 _ GUASTI E PERDITE (funzionamento in orario continuato - H24)

Si rimanda al sito internet di Publiacqua per maggiori informazioni:

www.publiacqua.it

Il Regolamento del Servizio Idrico Integrato è disponibile sul sito di Publiacqua al segente link: clicca qui.


AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO FUORI PUBBLICA FOGNATURA REFLUI DOMESTICI E ASSIMILABILI

L'amministrazione Comunale ha competenza diretta nell'ambito del rilascio di autorizzazioni allo scarico di ACQUE REFLUE DOMESTICHE, che possono essere rilasciate nelle  ZONE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA.

 

Le autorizzazioni allo scarico di ACQUE REFLUE ASSIMILABILI A DOMESTICHE, ACQUE REFLUE URBANE, ACQUE REFLLUE INDUSTRIALI, ACQUE REFLUE METEORICHE DI DILAVAMENTO, vengono ricomprese nell'ambito del procedimento di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE - AUA, di Competenza della Regione Toscana. In questi casi il richiedente presenta richiesta di autorizzazione allo scarico nell'ambito del procedimento AUA, da attivare attraverso il portale unico SUAP.


Si ricorda che nelle zone servite dalla Pubblica Fognatura vige l'obbligo di allaccio alla fognatura stessa. Eventuali richiesta di deroga dovranno essere adeguatamente motivate nelle richieste di autorizzazioni allo scarico.


ONERI ISTRUTTORI dovuti al Comune per le pratiche di scarico di reflui domestici e assimilabili (art. 5 DPGRT 46R 2008 e s.m.i):

IMPORTO: 50 €

MODALITA' DI PAGAMENTO secondo una delle seguenti modalità:

- presso la Tesoreria del Comune di Pistoia;

- su c.c.p. n° 11434511 intestato a: Comune di Pistoia - Servizio Tesoreria;

- mediante bonifico bancario a favore del Comune di Pistoia: INTESA SANPAOLO SPA

ABI: 03069    CAB: 13830   CIN: C  

C/C n° 46002 intestato a “Comune di Pistoia – Tesoreria comunale”

IBAN:  IT67 C 03069 13830 100000046002

BIC:  BCITITMM(necessario solo per i bonifici dall’estero)

 

 

CAUSALE: ACC 352 diritti pratica scarichi + indirizzo

NB: per le pratiche di scarico di reflui assimilabili a domestici autorizzate in regime di AUA verificare la necessità di versamento dei seguenti diritti istruttori con il SUAP: oneri per SUAP, oneri per Regione Toscana e, per scarichi > 100 AE, oneri per ARPAT;



ESPOSTI PER INCONVENIENTI IGIENICI DERIVANTI DA SCARICHI


I cittadini che intendono presentare una segnalazione per inconvenienti igienici derivanti da scarichi o fognature, possono presentare un esposto scritto indirizzato all'ufficio ambiente del Comune, contenenti le seguenti informazioni:

- Indicare le proprie generalità e fornire un numero di telefono dove poter essere contattati in caso di necessità;

- il luogo esatto dal quale si supponga possa derivare l'inconveniente igienico;

- la descrizione dell'inconveniente igienico lamentato, con informazioni su durata nell'arco del giorno, caratteristiche ecc;

- Inidicazioni, se note, sulle possibili origini dell'inconveniente igienico lamentato;

- indicazioni (se note) circa eventuali proprietà di fabbricati, manufatti o altro alla possibile origine dell'inconveniente igienico lamentato;

- Indicazioni attinenti al periodo di inizio dell'inconveniente igienico segnalato;

- eventuale documentazione fotografica.



OBBLIGO DI ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA

Ai sensi del combinato disposto dell'art. 14 della L.R. 20/2008, del Regolamento del Servizio Idrico Integrato e del Regolamento Comunale di Igiene

nelle zone servite da pubblica fognatura vige l'obbligo di allacciarsi alla stessa.

Per verificare di essere correttamente allacciati alla pubblica fognatura gli utenti dovranno procedere con verifiche autonome (es utilizzando traccianti o sonde

di ispezione).

Per procedere con l'allaccio alla Pubblica fognatura, che dovrà avvenire secondo le modalità riporate nel Regolamento del Servizio Idrico Integrato, dovrà essere

attivata una ISTANZA DI ALLACCIO direttamente con Publiacqua, attraverso il numero verde 800 238 238.

Si ricorda che l'esercizio di uno scarico in difetto dell'ottenimento dell'autorizzazione allo scarico prevista dalla normativa di settore, è sanzionabile ai sensi dell'art. 133 del D.Lgs. 152/2006 che prevede che “chiunque apra o comunque effettui scarichi di acque reflue domestiche o di reti fognarie, servite o meno da impianti pubblici di depurazione, senza l'autorizzazione di cui all'articolo 124, oppure continui ad effettuare o mantenere detti scarichi dopo che l'autorizzazione sia stata sospesa o revocata, è punito con la sanzione amministrativa da 6.000 euro a 60.000 euro. Nell'ipotesi di scarichi relativi ad edifici isolati adibiti ad uso abitativo la sanzione è da 600 euro a 3.000 euro.”


ACCORDO DI PROGRAMMA per potenziare la capacità di depurazione dei reflui urbani

In considerazione della necessità di potenziare la capacità di depurazione dei reflui urbani, e di superare conseguentemente le procedure di infrazione attivate dalla Comunità Europea per il mancato rispetto, da parte dell’Italia, degli obblighi imposti dalla normativa europea (direttiva 91/271/CEE), la regione Toscana ha sottoscritto con il ministero dell’ambiente in data 24/10/2014, uno specifico accordo quadro con cui la stessa Regione ha assunto precisi impegni finalizzati a garantire l’esecuzione degli interventi prioritari secondo precise tempistiche e modalità. Nell’ambito di tale accordo il Ministero ha previsto l’erogazione di uno specifico cofinanziamento di tali interventi.

In attuazione di tale accordo quadro, la Regione ha pertanto promosso un accordo di programma attuativo con tutti gli Enti coinvolti (Comuni, Province, Enti Gestori), in cui vengono definiti i reciproci obblighi ed impegni al fine di assicurare il raggiungimento degli obiettivi e delle tempistiche stabilite nell’accordo quadro.

Il Sindaco di Pistoia ha sottoscritto l’accordo in data  27/01/2015.

Per quanto riguarda il Comune di Pistoia, l’Accordo interessa l’intervento di potenziamento del depuratore centrale Passavant di via Toscana (è l’intervento più importante per garantire il collettamento a depurazione dei reflui urbani attualmente non trattati), per il quale stanno volgendo al termine i lavori per l'adeguamento. L’intervento, il cui costo è quantificato in € 8.650.000 complessivi, è cofinanziato con fondi ministeriali per € 2.125.660.

Leggi l'ACCORDO DI PROGRAMMA ATTUATIVO

Il Comune, nell’ambito dell’Accordo, si è impegnato a garantire lo svolgimento di quanto di competenza per l’attuazione dell’intervento nel rispetto del cronoprogramma, e ad agevolarne la realizzazione sostenendo le attività del gestore (Publiacqua) attraverso la collaborazione delle proprie strutture. Nello specifico si evidenzia che il Comune ha già da tempo provveduto al rilascio del Permesso a Costruire relativo al progetto di potenziamento del depuratore centrale.

Gli ulteriori interventi necessari al superamento della procedura di infrazione europea, per quanto riguarda il territorio del Comune di Pistoia,  prevedono la realizzazione del nuovo Depuratore di Bottegone (per il quale il Comune ha adottato specifica variante urbanistica) e dei relativi collettori, la realizzazione del collettore Nespolo-Chiazzano-Le Querci, del collettore Pontenuovo-depuratore Centrale, del collettore S.Pierino-Sperone, e infine dei collettori e sollevamenti fognari per l’eliminazione di scarichi diretti della città. Tutti questi ulteriori interventi sono in fase di progettazione e/o realizzazione da parte del Gestore, Publiacqua.



NORMATIVA DI RIFERIMENTO SCARICHI

- D.LGS. 152/2006 e s.m.i. - parte Terza - "Testo unico Ambientale"

- L.R. n. 20/2006 e s.m.i. -  "Norme per la tutela delle acque dall'Inquinamento"

- DPGRT n. 46R/2008 e s.m.i. - "Regolamento di attuazione della L.R. 31 maggio 2006, n. 20" - Link al DPGRT 46R/2008

- Regolamento Comunale d'Igiene del Comune di Pistoia, titoli IV e V ed allegati - Link al Regolamento Comunale d'Igiene - Link Allegati al Regolamento Comunale d'Igiene

- Regolamento del Servizio Idrico Integrato Publiacqua S.p.a. (2017)


LINK UTILI

- Opuscolo "CHI FA COSA" redatto da ARPAT relativo a Fiumi e Laghi

- Opuscolo "CHI FA COSA" redatto da ARPAT sulle acque reflue DOMESTICHE

- Greencross Italia - calcola le perdite di acqua di un rubinetto che gocciola

- SIRA - banche dati, report e mappe matrice ACQUA

- SIRA - opere captazione idropotabile

- SIRA - MAT - Monitoraggio qualita' ambientale ACQUE SOTTERRANEE - ELENCO POZZI

- PUBLIACQUA - Analisi acque potabili

- Reticolo enti gestore (geoportale LAMMA)

- Atti del seminario tecnico- informatico "LA disciplina degli scarichi delle acque reflue" - Coune di Rosignano Marittimo (LI)

- Geolocalizzazione della qualità dell'acqua a cura di Publiacqua S.p.A.

- REFERENDUM, OBBEDIENZA CIVILE E MOOSITA' - RICONOSCIUTO A PUBLIACQUA IL DIRITTO DI RICONOSCERE L'INTERO CORRISPETTIVO





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 29/08/2019 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!