Sottopasso di Spazzavento, il Sindaco Alessandro Tomasi scrive a Rfi e Regione Toscana

Stampa paginaVersione PDF della paginaInvia la pagina via email

Già negli scorsi giorni, a seguito dei primi allagamenti registrati, i tecnici del Comune di Pistoia avevano effettuato un sopralluogo al sottopasso di Spazzavento , l’opera di nuova costruzione ancora in carico a Rfi che l’ha progettata e realizzata nell’ambito dei lavori per il raddoppio della rete ferroviaria Pistoia-Lucca.

All’indomani di un nuovo allagamento del passaggio, l’Amministrazione comunale chiede formalmente a Rete ferroviaria italiana un intervento di messa in sicurezza.

«Rfi intervenga in tempi rapidi per sistemare l’opera» sollecita il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, che oggi ha scritto sia ai responsabili del progetto che alla Regione Toscana per chiedere garanzie sul ripristino dell’opera.

«Davanti a questa situazione vergognosa, che rappresenta un pericolo per le persone, stiamo adottando e adotteremo tutte le misure necessarie affinché chi di dovere intervenga in tempi rapidi. Ribadisco con forza che questo non solo crea disagio a chi abita in quella zona, ma può anche creare seri danni alle persone. I residenti che utilizzano il sottopasso hanno ragione a indignarsi e protestare perché una simile opera pubblica, tra l’altro di nuova costruzione, è inammissibile».

Dovrà essere Rfi a individuare e formalizzare i problemi relativi alla progettazione dell’opera, ma intanto il Comune ha preso atto dei problemi di funzionamento delle pompe e di un sistema di drenaggio campestre (modificato per fare posto al sottopasso) sottodimensionato rispetto alle reali esigenze dell’area. Il fatto che i lavori non siano ancora conclusi, non può essere una giustificazione. In questa fase, infatti, non si dovrebbero certamente registrare problemi come gli allagamenti di ieri e dei giorni scorsi.

«Il sottopasso garantisce l’accesso di alcuni residenti alle proprie abitazioni che – spiega infine l’assessore ai lavori pubblici Alessio Bartolomei – restano isolati ogni volta che piove un po’ più forte. Chiediamo a Rfi non solo di risolvere questa inaccettabile situazione ma anche di valutare la riapertura di altri accessi in attesa dell’intervento richiesto. Anche dal servizio comunale che si occupa di infrastrutture, è in partenza una lettera di richiesta di messa in sicurezza per Rfi mentre abbiamo l’unità operativa assetto idrogeologico ha già scritto al Genio Civile per gli aspetti legati al reticolo idrografico di competenza regionale».





web design - hosting - software
© Copyright 2013 Comune di Pistoia
redazione web - note legali - privacy
- Ultimo aggiornamento 18/11/2019 -Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!